Home » NEWSLETTER N° 17/2014
      

NEWSLETTER N° 17/2014

OBBLIGO DI CERTIFICATO PENALE

Dal prossimo 6 aprile coloro che intendano impiegare al lavoro una persona per lo svolgimento di attività professionali o attività volontarie organizzate che comportino contatti diretti e regolari con minori, al fine di verificare l’esistenza di condanne per taluno dei reati concernenti la tutela dei minori, devono preventivamente richiedere il certificato penale.
La nuova disposizione è stata prevista dall’art. 2 del D. Lgs. n. 39 del 04.03.2014 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del nr. 68 del 22.03/2014), in attuazione della direttiva comunitaria nr. 92/2011 relativa alla lotta contro l’abuso e lo sfruttamento sessuale dei minori e la pornografia minorile.
La mancata richiesta è soggetta alla sanzione amministrativa pecuniaria da € 10.000,00 a € 15.000,00.
Come specificato dal Ministero della Giustizia con circolare del 3 aprile, tale disposizione si applica soltanto in caso di rapporto di lavoro e non nel caso di volontariato come sembrava ad una prima lettura del provvedimento: inoltre la richiesta deve essere fatta dal datore di lavoro prima dell’inizio del rapporto di lavoro a partire dalla data di entrata in vigore della normativa, escludendo quindi i rapporti di lavoro già in essere e senza bisogno di rinnovo del certificato (che ricordiamo ha validità semestrale).
I tempi di rilascio del certificato (per cui è richiesta una marca da bollo di € 16,00 ed una marca per certificati di € 3,54) sono di circa 4-5 giorni; in attesa del rilascio è possibile procedere all’assunzione del lavoratore purché quest’ultimo rilasci una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà avente il medesimo contenuto del certificato e sempre che il certificato sia stato regolarmente richiesto.
In allegato il modulo di richiesta.
Per maggiori informazioni potete contattare l’Ascom Monfalcone (dott. Paolo Trapani – 0481/498915)

5 PER MILLE 2014: APERTE LE ISCRIZIONI

C’è tempo fino al 7 maggio 2014 per gli enti di volontariato, di ricerca scientifica e sanitaria e per le associazioni sportive dilettantistiche iscritte al CONI per presentare la domanda di ammissione alla ripartizione del 5×1000 dell’IRPEF per l’anno 2014.
E’ necessario utilizzare il modello in pdf che va scaricato dal sito dell’Agenzia a questo link.
La domanda va trasmessa (ricordiamo, entro il 7 maggio) in via telematica direttamente dai soggetti interessati, se abilitati ai servizi Entratel o Fisconline, oppure tramite gli intermediari abilitati a Entratel (professionisti, associazioni di categoria, Caf, ecc.): per la compilazione e la trasmissione telematica, l’Agenzia delle Entrate richiede l’esecuzione di una particolare procedura che prevede l’utilizzazione di uno specifico software scaricabile qui.