Home » News Letter » NEWSLETTER N° 92/2020
      

NEWSLETTER N° 92/2020

Scade il 30.6 l’invio all’Agenzia dei corrispettivi di febbraio – maggio 2020

Entro il  30.6.2020 vanno inviati all’Agenzia delle Entrate i dati dei corrispettivi relativi al periodo 8.3 – 31.5.2020 senza sanzioni, in deroga all’ordinario termine (entro 12 giorni dalla data di effettuazione dell’operazione ovvero, per il “periodo transitorio” di prima applicazione dell’obbligo, entro la fine del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione).

Come evidenziato dall’Agenzia delle Entrate nella Guida “L’emergenza Coronavirus e i corrispettivi telematici”, tale possibilità interessa:

  • sia i soggetti ancora privi di registratore telematico RT (e riguarda i corrispettivi dei mesi da febbraio ad aprile) che coloro che dispongono di un RT in servizio;
  • esclusivamente i corrispettivi regolarmente certificati, ossia per i quali è stato ordinariamente emesso il documento commerciale ovvero lo scontrino / ricevuta fiscale (quando ancora ammessi).

L’invio dei dati va effettuato con modalità e canali diversi a seconda che si disponga o meno di un RT in servizio.

Tale possibilità riguarda anche l’invio dei corrispettivi dei distributori automatici (vending machine).

Per quanto riguarda le modalità operative con le quali va effettuato l’invio in esame, da parte del soggetto interessato ovvero dell’intermediario delegato, nella citata Guida l’Agenzia rammenta che:

  • i soggetti ancora privi di RT provvedono all’invio dei dati utilizzando il portale “Fatture e corrispettivi” disponibile sul sito Internet dell’Agenzia con la procedura ordinariamente utilizzata per la trasmissione dei dati nel c.d. “periodo transitorio”.Con riferimento a detti soggetti (con volume d’affari 2018 non superiore a € 400.000 e pertanto con obbligo di utilizzare il RT a decorrere dall’1.1.2020) preme evidenziare che il c.d. “periodo transitorio”, corrispondente al primo semestre di vigenza dell’obbligo, nel quale è ammesso utilizzare le “vecchie” modalità di certificazione dei corrispettivi (scontrino / ricevuta fiscale), è stato prorogato dal 30.6 al 31.12.2020 ad opera dell’art. 140, DL n. 34/2020, c.d. “Decreto Rilancio”. Detti soggetti, pertanto, potranno emettere scontrini / ricevute fiscali fino al 31.12.2020 ed inviare i relativi dati tramite il portale dell’Agenzia entro la fine del mese successivo;
  • i soggetti dotati di RT devono:
    • estrarre dal RT il file creato e sigillato in automatico dallo stesso RT e trasferirlo su una memoria esterna (ad esempio, USB);
    • accedere come “Gestore ed esercente” alle “Procedure di emergenza – Assenza di rete” disponibili nel portale “Fatture e Corrispettivi” del sito Internet dell’Agenzia e da tali procedure caricare (upload) ed inviare il file estratto dal RT. A tal fine l’Agenzia precisa che, se i file sono più di uno, l’upload dovrà essere effettuato uno alla volta.