Home » News Letter » NEWSLETTER N° 74/2020
      

NEWSLETTER N° 74/2020

CREDITO D’IMPOSTA PER CANONI DI LOCAZIONE

Il DL “rilancio” recentemente approvato, nei suoi 266 articoli (!), interviene anche quanto a CREDITO D’IMPOSTA DEL 60% PER CANONI DI LOCAZIONE PER I MESI DI MARZO, APRILE E MAGGIO (Art. 28).

IN ESTREMA SINTESI si dispone:

per i mesi di marzo, aprile e maggio per tutti gli immobili ad uso non abitativo destinati allo svolgimento dell’attività imprenditoriale (quindi, non solo per gli immobili con categoria catastale C1), alla duplice condizione che l’impresa abbia:
·         ricavi o compensi non superiori a 5 milioni di euro nel periodo d’imposta precedente,
·         riscontrato una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 50% nel mese di aprile 2020 rispetto ad aprile 2019.

[N.B. Alle strutture alberghiere il credito d’imposta spetta a prescindere dal volume d’affari registrato !]

un credito d’imposta pari al 60% del canone di locazione (anche finanziaria o in concessione)

La misura del credito sarà, invece, pari al 30%  dei relativi canoni in caso di contratti di servizi a prestazioni complesse o di affitto d’azienda, comprensivi di almeno un immobile ad uso non abitativo destinato allo svolgimento dell’attività imprenditoriale.

L’esercente potrà scegliere se:
·         utilizzare direttamente il credito successivamente all’avvenuto pagamento dei canoni

  •  nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta di sostenimento della spesa
  •  oppure  in compensazione
oppure
·         optare per la cessione del credito al locatore o al concedente – a fronte di uno sconto di pari ammontare sul canone da versare – o ad altri soggetti, compresi istituti di credito e altri intermediari finanziari.

Novità: la cessione del credito d’imposta è una novità introdotta in via sperimentale sino al 31.12.2021. Per le modalità operative è però necessario un provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate da emanarsi entro 20 gg. dalla data di entrata in vigore del decreto (!)

La misura non concorre a formare il reddito ma non è cumulabile con il credito d’imposta di cui all’art. 65 del D.L. “Cura Italia” (previsto per il mese di marzo).

Con riserva di ulteriori precisazioni se disponibili.

PER I CLIENTI DEL SERVIZIO CONTABILITA’
I ns. uffici stanno già provvedendo a quanto necessario al fine di determinare l’importo spettante.
In considerazione della numerosità dei dati da recuperare ed analizzare il servizio sarà gravato di una specifica competenza!